Emergenza e organizzazione

Abstract

Il contributo offre una riflessione ad ampio spettro sugli effetti dell’emergenza pandemica sull’ordinamento costituzionale. Si evidenzia anzitutto come i concetti di necessità ed urgenza, o più semplicemente di “crisi”, legittimino da sempre l’attribuzione di poteri eccezionali di adozione di determinate decisioni, molto spesso in deroga ai normali meccanismi di funzionamento degli organi collegiali a favore di decisioni monocratiche. Sul piano ordinamentale possono osservarsi due tendenze dovute alle situazioni di crisi: la migrazione delle competenze dal legislativo all’esecutivo, e dalla periferia al centro; tale dinamica collide con l’assetto istituzionale pluralistico del nostro ordinamento costituzionale generando una sovrapposizione di funzioni, a sua volta aggravata dalle distanze politiche tra i vari livelli di governo. L’altra rilevante conseguenza delle misure emergenziali è la compressione dei diritti fondamentali di rango costituzionale, il cui godimento dovrebbe essere oggetto di bilanciamento con altre esigenze collettive (in primis, la salute pubblica) nel rigoroso rispetto del nucleo essenziale di tali diritti. L’emergenza fa vacillare anche il rigoso rispetto del principio di riserva di legge: da un lato, con la delegificazione anomala tramite D.P.C.M.; dall’altro lato, con l’inserimento nelle leggi di conversione dei decreti legge di disposizioni non giustificate dall’emergenza, derogando così all’ordinario procedimento legislativo.

https://doi.org/10.14276/2610-9050.2340
PDF
Gli autori che pubblicano su questa rivista accettano le seguenti condizioni:

    1. Gli autori mantengono i diritti sulla loro opera e cedono alla rivista il diritto di prima pubblicazione dell'opera, contemporaneamente licenziata sotto una Licenza Creative Commons - Attribuzione che permette ad altri di condividere l'opera indicando la paternità intellettuale e la prima pubblicazione su questa rivista.

    1. Gli autori possono aderire ad altri accordi di licenza non esclusiva per la distribuzione della versione dell'opera pubblicata (es. depositarla in un archivio istituzionale o pubblicarla in una monografia), a patto di indicare che la prima pubblicazione è avvenuta su questa rivista.

  1. Gli autori possono diffondere la loro opera online (es. in repository istituzionali o nel loro sito web) prima e durante il processo di submission, poiché può portare a scambi produttivi e aumentare le citazioni dell'opera pubblicata (Vedi The Effect of Open Access).