Efficienza amministrativa e discrezionalità ai tempi della pandemia

Abstract

La pandemia ha lasciato un chiaro messaggio che sottolinea l’inefficiente gestione politica ed amministrativa dei diritti fondamentali e delle risorse pubbliche, ma anche il grave problema che il primato dell’economia ha comportato per la salute non solo umana ma dell’intero Pianeta.

Soltanto un corretto ed efficiente esercizio del potere consentirà l’ottimale impiego delle risorse e l’attuazione del progetto di una nuova società più rispettosa del testo costituzionale. Il potere politico dovrebbe tornare a compiere accurate scelte nelle competenti sedi istituzionali, l’agire del soggetto pubblico essere sottoposto a sindacato giurisdizionale e a responsabilità per garantire che l’esercizio del potere non si discosti dal dettato costituzionale.

Senza l’intervento della magistratura (Corte Costituzionale e giudice amministrativo) il rischio che la Costituzione non venga attuata, o sia attuata male, è elevato, la pandemia lo ha reso evidente.

La legittimazione del potere pubblico si giustifica solo se ed in quanto l’esercizio dell’autorità sia funzionalizzato ad assicurare il godimento dei diritti e deve essere valutata sotto tale aspetto.

La responsabilità precontrattuale, intesa quale fiducia che il privato ripone nella professionalità e capacità della PA, potrebbe consentire di ampliare il sindacato nei confronti del corretto adempimento dei doveri, anche qualora l’amministrazione si determini a non esercitare il potere o ad esercitarlo in modo non efficace.

https://doi.org/10.14276/2610-9050.2331
PDF
Gli autori che pubblicano su questa rivista accettano le seguenti condizioni:

    1. Gli autori mantengono i diritti sulla loro opera e cedono alla rivista il diritto di prima pubblicazione dell'opera, contemporaneamente licenziata sotto una Licenza Creative Commons - Attribuzione che permette ad altri di condividere l'opera indicando la paternità intellettuale e la prima pubblicazione su questa rivista.

    1. Gli autori possono aderire ad altri accordi di licenza non esclusiva per la distribuzione della versione dell'opera pubblicata (es. depositarla in un archivio istituzionale o pubblicarla in una monografia), a patto di indicare che la prima pubblicazione è avvenuta su questa rivista.

  1. Gli autori possono diffondere la loro opera online (es. in repository istituzionali o nel loro sito web) prima e durante il processo di submission, poiché può portare a scambi produttivi e aumentare le citazioni dell'opera pubblicata (Vedi The Effect of Open Access).