La riforma dell’Irpef tra crisi del sistema ed abbandono dei modelli teorici: note a margine dei lavori parlamentari della XVIII legislatura
PDF

Parole chiave

Sistema tributario, Imposta sul reddito delle persone fisiche, modelli teorici, disciplina legislativa, irrazionalità.

Come citare

Del Federico, L. (2022). La riforma dell’Irpef tra crisi del sistema ed abbandono dei modelli teorici: note a margine dei lavori parlamentari della XVIII legislatura. Studi Urbinati, A - Scienze Giuridiche, Politiche Ed Economiche, 73(1-2-3-4), 91–117. https://doi.org/10.14276/1825-1676.3631

Abstract

Dalla sua introduzione nel sistema tributario italiano ad oggi, l’Irpef ha subito centinaia di modifiche; le più recenti, hanno avuto una matrice politico-partitica, rispondendo a pulsioni elettoralistiche; il dibattito scientifico è stato travolto ed oscurato dalla politicizzazione e strumentalizzazione delle questioni di fondo. Tuttavia, nel pieno della XVIII legislatura è emersa una stagione di riflessione politica, che ha consentito di recuperare la dimensione istituzionale e scientifica del dibattito. La disciplina dell’Irpef risulta ormai frammentaria ed irrazionale; si presta a pratiche di arbitraggio fiscale ed a proficue opportunità di pianificazione fiscale. Su base scientifica è evidente che sia il modello della Comprehensive Income Tax, sia il modello della Dual Income Tax, sia infine il modello della Flat Tax hanno degli innegabili punti di forza e di debolezza, ma di certo l’Irpef italiana si discosta da qualsivoglia modello. Ci si trova ormai di fronte ad una disciplina materialmente incostituzionale. I lavori parlamentari svoltisi nella XVIII legislatura consentono di cogliere la dimensione della crisi dell’Irpef ed offrono punti di riferimento per il dibattito sulle riforme.

https://doi.org/10.14276/1825-1676.3631
PDF